'Uno dei più grandi esperimenti umani nella storia' è stato condotto su ignari abitanti di San Francisco

San Francisco Nebbia
La torre nord del Golden Gate Bridge è visto circondato da nebbia, l ‘ 8 settembre 2013, a San Francisco.
Justin Sullivan / Getty Images

La nebbia di San Francisco è famosa, soprattutto in estate, quando le condizioni meteorologiche si combinano per creare la caratteristica coperta di raffreddamento che si trova sopra la Bay Area.

Ma un fatto che molti potrebbero non sapere della nebbia di San Francisco è che nel 1950, l’esercito americano ha condotto un test per vedere se poteva essere usato per aiutare a diffondere un’arma biologica in un “attacco simulato di guerra germinale.”Questo è stato solo l’inizio di molti di questi test in tutto il paese che sarebbero andati avanti in segreto per anni.

Il test è stato un successo, come spiega Rebecca Kreston alla rivista Discover, e “uno dei più grandi esperimenti umani della storia.”

Ma, come scrive, è stato anche “uno dei più grandi reati del Codice di Norimberga sin dal suo inizio.”

Il codice stabilisce che è richiesto un “consenso volontario e informato” per i partecipanti alla ricerca e che gli esperimenti che potrebbero portare a morte o lesioni invalidanti sono inaccettabili.

Gli ignari residenti di San Francisco non potevano certamente acconsentire al test di guerra germinale dell’esercito, e ci sono buone prove che potrebbe aver causato la morte di almeno un residente della città, Edward Nevin, e altri 10 ricoverati in ospedale.

Questa è una storia folle; uno che sembra che deve essere una teoria della cospirazione. Una ricerca su Internet rivelerà un sacco di disinformazione e incredibili congetture su questi esperimenti. Ma il nucleo di questa incredibile storia è documentato e vero.

‘A successful biological warfare attack’

Tutto iniziò alla fine di settembre del 1950, quando nel giro di pochi giorni, una nave della Marina utilizzò giganteschi tubi per spruzzare una nebbia di due tipi di batteri, Serratia marcescens e Bacillus globigii — entrambi ritenuti all’epoca innocui — nella nebbia, dove scomparvero e si diffusero sulla città.

“È stato notato che un attacco BW di successo su quest’area può essere lanciato dal mare e che dosaggi efficaci possono essere prodotti su aree relativamente grandi”, ha concluso un rapporto militare successivamente declassificato, citato dal Wall Street Journal.

Successo davvero, secondo Leonard Cole, il direttore del Terror Medicine and Security Program presso Rutgers New Jersey Medical School. Il suo libro, “Nuvole di segretezza”, documenta i test segreti dell’arma biologica militare sulle aree popolate. Cole ha scritto:

Quasi tutta San Francisco ha ricevuto 500 minuti di particelle per litro. In altre parole, quasi tutte le 800.000 persone di San Francisco esposte alla nube a velocità respiratoria normale (10 litri al minuto) hanno inalato 5.000 o più particelle al minuto durante le diverse ore in cui sono rimaste in volo.

Questo è stato tra i primi ma lontano dall’ultimo di questi tipi di test.

Affollata metropolitana di New York

Flickr/Roman Kruglov

I test includevano le emissioni su larga scala di batteri nel sistema della metropolitana di New York, sulla Pennsylvania Turnpike e nell’aeroporto nazionale.

nei prossimi 20 anni, il militare avrebbe condotta 239 “di germe di-guerra”, prove su aree popolate, secondo le notizie dal 1970 (dopo il test segreto era stato rivelato) sul New York Times, Il Washington Post, la Associated Press, e altre pubblicazioni (via Lexis-Nexis), e anche dettagliate nella testimonianza al congresso dal 1970.

Queste prove integrate su larga scala versioni di batteri nella Città di New York, il sistema di metropolitana, sulla Pennsylvania Turnpike, e in Aeroporto Nazionale di fuori di Washington, DC.

In una testimonianza del Congresso del 1994, Cole disse che nulla di tutto ciò era stato rivelato al pubblico fino a quando un articolo del giornale del 1976 non rivelò la storia di alcuni dei primi esperimenti, anche se almeno una sottocommissione del Senato aveva ascoltato testimonianze sugli esperimenti a New York City nel 1975, secondo un rapporto del Newsday del 1995.

Una morte misteriosa

Quando Edward Nevin III, il nipote di Edward Nevin che morì nel 1950, lesse uno di quei primi test a San Francisco, collegò la storia alla morte di suo nonno per una misteriosa infezione batterica. Ha iniziato a cercare di convincere il governo a rivelare più dati su questi esperimenti. Nel 1977, pubblicarono un rapporto che descriveva più dettagliatamente quell’attività.

Bloody_bread_ _Serratia_marcescens_in_action.JPG
Serratia marcescens diventa pane rosso come una colonia batterica cresce.
Dbn / Wikimedia Commons

Nel 1950, il primo Edward Nevin si stava riprendendo da un intervento chirurgico alla prostata quando improvvisamente si ammalò di una grave infezione del tratto urinario contenente Serratia marcescens, il batterio teoricamente innocuo che è noto per trasformare il pane di colore rosso. Secondo quanto riferito, i batteri non erano mai stati trovati in ospedale prima ed erano rari nella Bay Area (e in California in generale).

I batteri si diffusero nel cuore di Nevin e morì poche settimane dopo.

Altri 10 pazienti si presentarono in ospedale nei mesi successivi, tutti con sintomi di polmonite e la strana presenza di Serratia marcescens. Si sono ripresi tutti.

Il nipote di Nevin ha cercato di citare in giudizio il governo per omicidio colposo, ma la corte ha dichiarato che il governo era immune da una causa per negligenza e che erano giustificati nel condurre test all’insaputa dei soggetti. Secondo il Wall Street Journal, l’esercito ha dichiarato che le infezioni devono essersi verificate all’interno dell’ospedale e l’avvocato degli Stati Uniti ha sostenuto che dovevano condurre test in un’area popolata per vedere come un agente biologico avrebbe influenzato quell’area.

Nel 2005, la FDA ha dichiarato che ” I batteri Serratia marcescens… può causare malattie gravi e pericolose per la vita in pazienti con sistema immunitario compromesso.”I batteri si sono presentati in alcune altre crisi sanitarie della Bay Area dal 1950, secondo il San Francisco Chronicle, portando ad alcune speculazioni sul fatto che la spruzzatura originale avrebbe potuto stabilire una nuova popolazione microbica nella zona.

Mentre Nevin ha perso la sua causa, ha detto in seguito, come citato da Cole, “Almeno siamo tutti consapevoli di ciò che può accadere, anche in questo paese … Spero solo che la storia non venga dimenticata.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.