Sgravi fiscali attraverso Overfunding

La stagione fiscale 2014 è arrivata come un leone, e molti dei CPA con cui lavoriamo sono avvolti—non dal normale carico di lavoro della stagione fiscale, ma dal numero di clienti che hanno perso le notizie sugli aumenti delle tasse 2013.
Sono state inviate newsletter. Pianificazione fiscale è stata completata. Eppure nulla sembra aver preparato adeguatamente i contribuenti benestanti a pesanti aumenti fiscali dal 27% al 66%. Che tu sia un consulente finanziario o un CPA, una cosa che puoi fare per rendere la stagione fiscale del prossimo anno un po ‘ più sopportabile per i clienti high-net-worth è di introdurli ai benefici dell’assicurazione sulla vita sovrafinanziata.
Mentre lo scopo primario di assicurazione sulla vita è fornire un beneficio di morte ai beneficiari dell’assicurato, pagare più premio del necessario per aumentare il valore in contanti può trasformare una polizza di assicurazione sulla vita in un veicolo di investimento alternativo che offre una crescita esentasse e un beneficio di morte esentasse. Si tratta di una scelta particolarmente forte in un momento in cui l’elevata volatilità del mercato è diventata la norma e potrebbero essere all’orizzonte ulteriori aumenti delle tasse.
Sfortunatamente, l’assicurazione sulla vita permanente è stata ritratta come un’opzione meno che ottimale, con il consiglio popolare di “comprare il termine e investire la differenza.”Ciò rende la comunicazione dei benefici del sovrafinanziamento delle politiche universal life (UL) e indexed Universal life (IUL) una sfida, ma che può essere facilmente superata offrendo dettagli che vengono spesso lasciati fuori dalle discussioni superficiali tipicamente rivolte ai percettori di reddito medio, per i quali questo approccio potrebbe non essere l’opzione migliore.
Per i proprietari di imprese e altri investitori ad alto patrimonio netto, gli IUL offrono vantaggi particolarmente forti, tra cui la flessibilità di investire in fondi indicizzati con protezione patrimoniale garantita e senza commissioni di gestione. Gli UL a tasso fisso rimangono un’opzione valida per gli investitori ricchi altamente conservatori che cercano un tasso di rendimento fisso più elevato. Per quei clienti che si ritiene trarrebbero beneficio dal sovrafinanziamento dell’assicurazione sulla vita permanente come componente del loro piano complessivo di gestione patrimoniale, i seguenti punti di discussione possono aiutare a chiarire il valore:
• Crescita favorita dalle imposte: le aliquote fiscali sui portafogli di investimento continuano a salire, rendendo le opzioni di investimento differite dalle imposte sul reddito una componente critica della pianificazione pensionistica. I rendimenti sulle politiche di vita permanenti crescono non tassati – se adeguatamente strutturati, possono essere accessibili non tassati, fornire un beneficio di morte senza imposte sul reddito e/o continuare a crescere in differita fino a quando i fondi non vengono prelevati (prima della morte).
• Rendimento annuo garantito: sia ULs che IULS compensano le potenziali perdite di portafoglio a fronte di un mercato globale volatile. Gli UL offrono un tasso di rendimento fisso garantito, mentre gli IUL offrono un tasso di rendimento medio a lungo termine compreso tra il 6% e l ‘ 8% (al netto dei costi e delle commissioni). Il conto in contanti di IULS cresce allo stesso tasso del corrispondente valore dell’indice di mercato e continua a guadagnare un tasso di interesse minimo anche se il mercato cade.
• Protezione dei beni: a differenza dei trust e di altri veicoli di investimento, le politiche di vita permanenti proteggono completamente il capitale da qualsiasi rivendicazione legale da parte dei creditori. E a differenza dei trust nazionali di protezione patrimoniale che richiedono l’assistenza di un avvocato e addebitano una commissione annuale di gestione patrimoniale, possono essere strutturati da un professionista di assicurazione sulla vita autorizzato a un costo molto inferiore. Inoltre, la politica principale non riduce i benefici dei programmi di governo come la sicurezza sociale e Medicare, che forniscono previdenza complementare e benefici. Le prestazioni di morte sono distribuite esentasse, proteggendo ulteriormente i beni per i beneficiari.
• Flessibilità di finanziamento: a differenza dei veicoli come IRAs tradizionali, Roth IRAs e piani qualificati, non ci sono limiti di contributo sulle politiche di vita permanenti purché ciascuna politica sia conforme alle normative TEFRA/DEFRA. Ciò rende l’opzione particolarmente appropriata per gli investitori benestanti e i proprietari di piccole imprese che non vogliono implementare un piano pensionistico qualificato o che vogliono risparmiare più dei permessi QP. Se necessario, il valore in denaro della polizza può essere utilizzato per coprire i costi del premio, garantendo prestazioni in caso di morte rimangono intatti, e gli assicurati possono regolare la dimensione della prestazione in caso di morte in qualsiasi momento una volta che la politica è in vigore.
• Distribuzione senza penalità prima dell’età 59½: le polizze vita permanenti offrono un accesso quasi immediato ai beni senza alcuna penalità fiscale. Questa liquidità esentasse è particolarmente utile in caso di disabilità, per finanziare il pensionamento anticipato o per finanziare le spese personali e aziendali. Le politiche possono anche essere strutturate per offrire agli assicurati la possibilità di acquistare proprietà, auto e altri beni ad alto prezzo da se stessi, pur mantenendo un accesso illimitato al principio della politica.
• Rinuncia alla disabilità: le polizze vita permanenti possono essere strutturate con una rinuncia che elimina il pagamento di premi e altre commissioni ricorrenti se l’assicurato è gravemente ferito o si ammala. Questa opzione garantisce che la politica non decada, il beneficio di morte è mantenuto e principale continua a crescere anche quando i fondi non sono disponibili per pagare le tasse usuali.
• Strumento di pensionamento efficiente: IRAS tradizionali e piani qualificati offrono una crescita esentasse, ma sono tassabili alla distribuzione. Al contrario, le politiche di vita permanenti offrono una crescita esentasse e un flusso di reddito esentasse al momento del pensionamento, fornendo agli investitori benefici ad alto patrimonio netto che rispecchiano quelli di Roth IRAs, ma senza le limitazioni di reddito. Bilanciando le opzioni fiscali differite e le opzioni fiscali preferite, gli investitori possono garantire un flusso di reddito pensionistico efficiente dal punto di vista fiscale.
finanziamento in eccesso non è appropriato per ogni investitore, ma è una valida opzione per gli investitori in buona salute che sono sul serio il risparmio a lungo termine fiscalmente efficiente base; i proprietari di piccole imprese che non si vuole implementare un piano pensionistico qualificato o desidera salvare più di qualificati i permessi di piano; dirigenti che vogliono risparmiare di più rispetto ai loro azienda i permessi di piano e di cui la società sponsorizzata piano 401(k) non offre un Roth opzione; e chi è preoccupato per le aliquote fiscali future e trova un’opzione di distribuzione esentasse attraente in pensione.
Se si dispone di un cliente che è interessato a overfunding assicurazione sulla vita, è importante che la politica è attentamente strutturato per garantire il finanziamento supera sufficientemente i costi della politica e per consentire una crescita efficiente del valore di cassa politica. Se non si dispone di conoscenze dettagliate in questo settore, è importante lavorare con un professionista di assicurazione sulla vita indipendente e autorizzato (CLU, ChFC o CFP) che comprende la complessità e le caratteristiche dei contratti di assicurazione sulla vita permanente, così come le norme fiscali applicabili IRS (TEFRA e DEFRA).
Gary A. Borowiec, CLU, ChFC, RFC, LUTCF, CLTC, è managing partner di Atlas Advisory Group LLC, una società di pianificazione indipendente con sede a Cranford, N. J.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.