Missione di San Palladio

Margaret Anne Cusack
1868
inizio del capitolo / Capitolo VIII

La prima missione cristiana in Irlanda, per la quale abbiamo dati certi e attendibili, fu quella di San Palladio.

S. Prosper, che ha ricoperto una posizione elevata nella Chiesa romana, ha pubblicato una cronaca nel 433, in cui troviamo il seguente registro:

“Palladio fu consacrato da Papa Celestino e inviato come primo vescovo agli irlandesi che credevano in Cristo.”

Questa missione non ha avuto successo.

Palladio fu respinto dagli abitanti di Wicklow, dove sbarcò.

Poi navigò verso nord, e fu infine spinto dallo stress del tempo verso le Orcadi, trovando porto, infine, sulle rive del Kincardineshire.

Diversi antichi trattati forniscono i dettagli della sua missione, il suo fallimento, e la sua carriera successiva.

La prima di queste autorità è la vita di San Patrizio nel Libro di Armagh; e in questo si afferma che morì nella ” terra dei Britanni.”

La seconda vita di San Patrizio, nella collezione di Colgan, ha cambiato i britannici in ” Picts.”

Nelle” Annotazioni di Tierchan”, conservate anche nel Libro di Armagh, si dice che Palladio fu anche chiamato Patricius e che subì il martirio tra gli scozzesi”, come riferiscono gli antichi santi.”

Prosper ci informa anche, che Palladio era un diacono della Chiesa romana, e che ha ricevuto una commissione dalla Santa Sede per inviare Germano, vescovo di Auxerre, per sradicare l’eresia, e convertire i Britanni alla fede cattolica.

Così troviamo la Chiesa, anche nei primi secoli, occupata nella sua duplice missione, di convertire i pagani e preservare i fedeli dall’errore.

S. Innocenzo I., scrivendo a Decenzio, nell’anno 402, si riferisce così a questo fatto importante:

“Non è noto a tutti che le cose che sono state consegnate alla Chiesa romana da Pietro, il Principe degli Apostoli, e conservate da allora, dovrebbero essere osservate da tutti, e che nulla deve essere introdotto privo di autorità, o preso in prestito altrove? Soprattutto, come è evidente che nessuno ha fondato chiese per tutta l’Italia, i Galli, la Spagna, l’Africa, e le isole interjacent, ad eccezione di quelli che sono stati nominati sacerdoti dal venerabile Pietro e dei suoi successori.”

Palladio era accompagnato da quattro compagni: Sylvester e Solinus, che è rimasto dopo di lui in Irlanda; e Augustinus e Benedictus, che lo hanno seguito in Britannia, ma sono ritornati al loro proprio paese dopo la sua morte.

La Vita Secunda menziona che egli ha portato reliquie dei beati Pietro e Paolo, e altri santi, in Irlanda, così come le copie del Vecchio e Nuovo Testamento, che sono stati tutti a lui dato da Papa Celestino.

Note

Cristo.—”Ad Scotos in Christum credentes ordinatur a papa Caelestino Palladius et primus episcopus mittitur.”—Veterinario. Lat. Scrip. Chron. Roncallio, Padova, 1787.

Wicklow.- Probabilmente nel punto in cui ora sorge la città di Wicklow. Fu poi chiamata la regione di Hy-Garchon. È anche designato Fortreatha Laighen dallo Scholiast sull’inno di Fiacc. Il distretto, probabilmente, ha ricevuto questo nome dalla famiglia di Eoichaidh Finn Fothart, un fratello di Conn delle Cento battaglie.

Armagh.- Fol. 16, d. a.

Patricius.- Questo nome non era che un’indicazione di rango. Negli ultimi anni dell’Impero romano, Gibbon dice, “i sudditi più meschini dell’Impero romano assunsero l’illustre nome di Patricius.”- Declino e caduta, vol. viii. pag. 300. Da qui la confusione che sorse tra i celti agiografi, e l’interscambio degli atti di diversi santi che portavano lo stesso nome.

Diacono.- Questo era un ufficio importante nella Chiesa romana primitiva.

Eresia.- Il Pelagiano.

lo seguì.- I quattro Maestri implicano, tuttavia, che sono rimasti in Irlanda. Chiamano anche le tre chiese di legno che ha eretto. Cels-fine, che non è stato identificato; Teach-na-Romhan, Casa dei Romani, probabilmente Tigroni; e Domlmach-Arta, probabilmente l’attuale Dunard.- Annali, pag. 129.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.