Ipertensione (pressione alta)

  • Cos’è l’ipertensione (pressione alta)?
  • Statistiche
  • Fattori di Rischio
  • Progressione
  • Sintomi
  • Esame Clinico
  • Come viene Diagnosticata
  • Prognosi
  • Trattamento

che Cosa è l’Ipertensione (Pressione Alta)?

Ipertensione
L’ipertensione è definita come pressione sanguigna elevata ed è la principale causa a livello globale di morte e disabilità. È il principale fattore di rischio per infarto e ictus ed è anche un fattore di rischio significativo per la malattia renale cronica e l’insufficienza cardiaca cronica. Poiché gli individui con ipertensione di solito non hanno alcun sintomo, è una malattia che è spesso sotto-diagnosticata. La diagnosi si basa sullo screening della pressione arteriosa di routine per monitorare e rilevare gli individui affetti.

Statistiche

Nel 2000, è stato stimato che quasi un miliardo di individui in tutto il mondo erano ipertesi. Questa cifra equivale a circa il 26,4% della popolazione adulta globale totale.
L’Australian Diabetes, Obesity and Lifestyle Study (AusDiab) condotto nel 1999-2000 ha riferito che il 30% degli australiani (32% dei maschi e 27% delle femmine) di età superiore ai 25 anni, o 3,7 milioni di australiani, erano ipertesi (pressione sanguigna > 140/90 mmHg).
In generale, i maschi hanno maggiori probabilità di avere ipertensione rispetto alle femmine, tranne che tra i 45 ei 64 anni, quando le femmine sono a rischio uguale per i maschi.
L’incidenza di ipertensione è tre volte superiore negli australiani indigeni rispetto agli australiani non indigeni.

Fattori di rischio

Circa il 95% dei casi di ipertensione è classificato come ipertensione essenziale o primaria, in cui la causa sottostante è sconosciuta. I restanti casi sono classificati come ipertensione secondaria, in cui esiste una causa identificabile (ad esempio stenosi dell’arteria renale).
I principali studi hanno identificato i seguenti fattori come fattori predisponenti chiave per l’ipertensione:

  • Stato sistolico preipertensivo (115-139 mmHg);
  • Aumento dipendente dall’età dello stato diastolico;
  • Sesso femminile;
  • Aumento del BMI oltre un valore di 25;
  • Fumo;e
  • Ipertensione parenterale.

Fattori che sono stati identificati nel 2008 australia National Heart Foundation Linee guida sull’Ipertensione includono:

  • stile di vita Sedentario;
  • Fumatori;
  • circonferenza Vita > 94 cm negli uomini e 80 cm nelle donne, o BMI > 25;
  • una dieta ad Alto consumo di sale; e
  • il consumo di Alcol.

Progressione

Se l’ipertensione rimane incontrollata, alla fine porta a danni agli organi. Quindi, l’ipertensione incontrollata è il principale fattore di rischio per la malattia coronarica e l’ictus – due importanti endpoint nel processo di malattia.
Allo stesso modo, insufficienza renale cronica, diabete, malattie degli occhi, disfunzione erettile e insufficienza cardiaca cronica sono anche malattie significative associate alla progressione dell’ipertensione incontrollata o scarsamente controllata.

Sintomi

La maggior parte delle persone con ipertensione non è consapevole di avere un problema. Questo perché l’ipertensione ha pochi, se qualsiasi sintomo. Pertanto, l’ipertensione primaria viene solitamente rilevata attraverso lo screening di routine quando si visita un GP. L’ipertensione incontrollata a lungo termine è associata ad un aumentato rischio di infarto e ictus, tra le altre malattie.

Esame clinico

L’ipertensione viene valutata tramite la misurazione della pressione arteriosa. Una diagnosi di ipertensione può essere fatta se, dopo diverse letture in occasioni separate, viene costantemente registrato un valore elevato.
Come guida, una lettura della pressione arteriosa superiore a 140/90 presa in tre diverse occasioni è sufficiente per diagnosticare l’ipertensione. Il monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa può anche essere utilizzato per valutare le letture medie della pressione arteriosa in un periodo di 24 ore.
Oltre alla misurazione della pressione arteriosa, deve essere eseguito un esame cardiovascolare completo, rilevando eventuali segni di un cuore ingrossato o di una malattia arteriosa. Ulteriori esami che dovrebbero essere inclusi se si sospetta l’ipertensione includono un esame oculistico, circonferenza della vita e indice di massa corporea.
Per ulteriori informazioni, vedere indagine sulla pressione arteriosa.

Calcolatrice pressione sanguigna

Risultati

Normale
La pressione arteriosa deve essere ricontrollata entro 2 anni o prima, a seconda del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Il tuo medico generico può consigliarti su questo rischio e anche sulla riduzione del rischio dello stile di vita.
Alta-Normale
La pressione sanguigna è elevata. Dovrebbe essere ricontrollato entro 12 mesi o prima a seconda del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Il tuo medico generico può consigliarti su questo rischio e anche sulla riduzione del rischio dello stile di vita.
Ipertensione di grado 1 (lieve)
La pressione sanguigna è elevata. Dovrebbe essere confermato entro 2 mesi. Il medico di medicina generale dovrebbe consigliarvi circa la riduzione del rischio di stile di vita e/o farmaci per abbassare la pressione sanguigna.
Ipertensione di grado 2 (moderata)
La pressione sanguigna è elevata. Dovrebbe essere confermato entro 1 mese e potrebbe anche essere necessario consultare uno specialista in questo momento. Il tuo medico generico può consigliarti sulla riduzione del rischio di stile di vita e/o sui farmaci per abbassare la pressione sanguigna.
Ipertensione di grado 3 (grave)
La pressione sanguigna è elevata. Dovrebbe essere confermato entro 1 settimana e potrebbe anche essere necessario consultare uno specialista in questo momento. Il tuo medico generico può consigliarti sulla riduzione del rischio di stile di vita e/o sui farmaci per abbassare la pressione sanguigna.
Ipertensione sistolica isolata
La pressione sistolica è elevata. A seconda del livello deve essere confermato entro un certo tempo (140-159mmHg-2 mesi; 160-179mmHg-1 mese; > 180mmHg-1-7 giorni).Potrebbe anche essere necessario consultare uno specialista. Il tuo medico generico può consigliarti sulla riduzione del rischio di stile di vita e/o sui farmaci per abbassare la pressione sanguigna.
Ipertensione sistolica isolata con pressione del polso allargata
La pressione sanguigna è elevata. Dovrebbe essere confermato entro 1 settimana e potrebbe anche essere necessario consultare uno specialista in questo momento. Il tuo medico generico può consigliarti sulla riduzione del rischio di stile di vita e/o sui farmaci per abbassare la pressione sanguigna.
Ipotensione
La pressione sanguigna è più bassa del normale. Il medico di medicina generale ti chiederà dei sintomi che potresti riscontrare e determinerà se hai bisogno di un trattamento o di ulteriori indagini.

  1. Fondazione Nazionale del Cuore dell’Australia. Guida alla gestione dell’ipertensione 2008-Valutazione e gestione della pressione arteriosa aumentata negli adulti. Aggiornato 2010. Disponibile da: http://www.heartfoundation.org.au/SiteCollectionDocuments/HypertensionGuidelines2008to2010Update.pdf

Queste informazioni saranno raccolte per scopi didattici, tuttavia rimarranno anonime.

Come viene diagnosticato

Alcune indagini che possono essere ordinate per aiutare con la diagnosi includono:

  • Astina analisi delle urine per il sangue e proteine;
  • Analisi delle urine: Spot urine albumina / creatinina ratio
  • Esami del sangue: urea ed elettroliti, profilo lipidico e glicemia a digiuno.
  • ECG: Per valutare l’allargamento del cuore.

Possono anche essere richieste indagini più specifiche, tra cui:

  • Ecografia duplex dell’arteria renaleper escludere la malattia renale se sospetta;
  • Angiografia CT renale per cercare la stenosi dell’arteria renale;
  • Ecocardiogarphy per valutare un cuore ingrossato;
  • Doppler carotideo; e
  • Rapporto aldosterone/renina plasmatica.

Prognosi

L’ipertensione a 50 anni di età è associata a una riduzione di 5 anni dell’aspettativa di vita. Se l’ipertensione è adeguatamente controllata, il rischio di ictus si riduce di oltre il rischio di infarto.

Trattamento

IpertensioneLa decisione su come e quando intervenire con l’ipertensione dipende dalla gravità della diagnosi, dal profilo di rischio cardiovascolare assoluto e dall’evidenza di danni agli organi terminali.
Intervento medico immediato
È necessario un trattamento immediato con una delle seguenti:3,15,16,19

  • Ipertensione grave;
  • Evidence end danni agli organi (indipendentemente dalla pressione sanguigna);
  • Diabete in cui BP > 140/90 mmHg;
  • Alta misurazione del rischio cardiovascolare assoluto; e
  • Indigenità.

modifica dello stile di vita
In ogni caso, il primo passaggio gestione è modificazione dello stile di vita, concentrandosi su:

  • una Regolare attività fisica (almeno 30 minuti al giorno di moderata intensità);
  • smettere di Fumare;
  • modifica Dietetica (assunzione di sale < 4 g/giorno, un sacco di frutta e verdura, a basso contenuto di grassi);
  • Peso e riduzione della vita (obiettivo per BMI < 25, vita < 94 cm (uomini), 80 cm per le donne); e
  • Limitare o evitare l’alcool (uno standard drink al giorno).

Farmaci
Quattro principali classi di droga sono utilizzati di routine:

  • Diuretici (soprattutto diuretici tiazidici);
  • enzima di conversione dell’Angiotensina inibitori e i relativi angiotensina II antagonisti del recettore;
  • bloccanti dei canali del Calcio; e
  • Beta-bloccanti.

Tutte le classi di farmaci sembrano avere effetti protettivi a breve e medio termine simili, tuttavia, problemi di tollerabilità possono portare a considerare i beta-bloccanti come farmaci di seconda linea.
La maggior parte dei farmaci richiede 4-8 settimane per ottenere il massimo effetto. Pertanto, si raccomanda di provare un periodo minimo di 6 settimane prima di apportare modifiche ai farmaci.Generalmente il trattamento inizia con un singolo farmaco. Recenti studi di grandi dimensioni hanno dimostrato che i farmaci più economici e più vecchi sono altrettanto efficaci dei farmaci più recenti. Se un singolo farmaco non riesce a raggiungere gli obiettivi di pressione sanguigna, altri agenti possono essere aggiunti.

Maggiori informazioni

Ipertensione Per ulteriori informazioni sulla pressione alta, comprese le indagini e trattamenti, così come alcune animazioni utili, video e strumenti, vedere Ipertensioni (Pressione alta).
  1. Ipertensione. Dizionario medico di Stedman . Baltimora: Lippincott Williams e Wilkins; 2000. 855.
  2. Lopez AD, Mathers CD, Ezzati M, Jamison DT, Murray CJ. Onere globale e regionale delle malattie e dei fattori di rischio, 2001: Analisi sistematica dei dati sulla salute della popolazione. Lancet. 2006; 367(9524): 1747-57.
  3. Comitato consultivo nazionale per la pressione arteriosa e le malattie vascolari. Guida alla gestione dell’ipertensione 2008 . Fondazione Nazionale del Cuore dell’Australia. 1 ° Agosto 2008 . Disponibile da URL http://www.heartfoundation.org.au/ SiteCollectionDocuments / A%20Hypert%20Guidelines2008%20Guideline.pdf
  4. Kearney PM, Whelton M, Reynolds K, Muntner P, Whelton PK, He J. Global burden of hypertension: Analysis of worldwide data. Lancet. 2005; 365(9455): 217-23.
  5. Dunstan D, Zimmet P, Welborn T, Sicree R, Armstrong T, Atkins R, et al. Diabete & Disturbi associati in Australia 2000: L’Australian Diabetes, Obesity and Lifestyle Study (AusDiab). Melbourne: International Diabetes Institute; 2000.
  6. Barr ELM, Magliano J, Zimmet P, Polkinghorne K, Atkins A, Dunstan D, et al. AusDiab 2005: Lo studio australiano sul diabete, l’obesità e lo stile di vita. Melbourne: International Diabetes Institute; 2005.
  7. Parikh NI, Pencina MJ, Wang TJ, Benjamin EJ, Lanier KJ, Levy D, et al. Un punteggio di rischio per predire l’incidenza a breve termine di ipertensione: il Framingham Heart Study. Ann Stagista Med. 2008; 148(2): 102-10.
  8. Chiong J, Aronow W, Khan I, Nair C, Vijayaraghavan K, Dart R, et al. Ipertensione secondaria: diagnosi e trattamento attuali. Int J Cardiol. 2008; 124(1): 6-21
  9. Kumar P, Clark M. Medicina clinica . New York: W. B. Saunders; 2005. 787.
  10. Kumar V, Abbas A, Fausto N. Robbins e Cotran Basi patologiche della malattia . Philadelphia: Elsevier Saunders; 2005. 529-30.
  11. Grosso A, Veglio F, Porta M, Grignolo FM, Wong TY. Retinopatia ipertensiva rivisitata: alcune risposte, altre domande. Br J Ophthalmol. 2005; 89(12): 1646-54.
  12. Manolis A, Doumas M. Disfunzione sessuale: la “prima ballerina” delle complicanze legate alla qualità della vita legate all’ipertensione. J Ipertens. 2008; 26(11): 2074-84.
  13. Franco OH, Peeters A, Bonneux L, de Laet C. Pressione arteriosa in età adulta e aspettativa di vita con malattie cardiovascolari in uomini e donne: analisi del corso di vita. Ipertensione. 2005; 46(2): 280-6.
  14. Lawes CM, Bennett DA, Feigin VL, Rodgers A. Pressione sanguigna e ictus: una panoramica delle recensioni pubblicate. Colpo. 2004; 35(4): 1024.
  15. Nuova Zelanda Guidelines Group. La valutazione e la gestione del rischio cardiovascolare. Best practice evidence based guideline. Wellington: New Zealand Guidelines Group; 2003.
  16. Chobanian A, Bakris GL, Black HR, Cushman WC, Green LA, Bak JL Jr, et al. Il settimo rapporto del Comitato nazionale congiunto per la prevenzione, l’individuazione, la valutazione e il trattamento della pressione alta: il rapporto JNC 7. JAMA. 2003; 289(19): 2560-71.
  17. Mulatero P, Stowasser M, Loh KC, Fardella CE, Gordon RD, Mosso L, et al. Aumento della diagnosi di aldosteronismo primario, comprese le forme chirurgicamente correggibili, nei centri dei cinque continenti. J Clin Endocrinol Metab. 2004; 89:1045-50.
  18. Staessen JA, Wang JG, Thijs L. Protezione cardiovascolare e riduzione della pressione arteriosa: una meta-analisi. Lancet. 2001; 358(9290): 1305-15.
  19. Turnbull F, Neal B, Algert C, Chalmers J, Chapman N, Cutler J, et al. Effetti di diversi regimi di abbassamento della pressione arteriosa sui principali eventi cardiovascolari in individui con e senza diabete mellito: risultati di panoramiche prospettiche di studi randomizzati. Arch Stagista Med. 2005; 165(12): 1410-9.
  20. Collina SR, Smith AJ. Farmaci di prima linea nel trattamento dell’ipertensione. Aust Prescr. 2005; 28: 34-7.
  21. Linee guida terapeutiche: Cardiovascolare. Therapeutic Goods Administration; 2008.
  22. Guida alla buona prescrizione. Un manuale pratico . Ginevra: Organizzazione Mondiale della Sanità; 1994. Disponibile da URL http://www.who.int/ medicine / library / par/ ggprescribing / who-dap-94-11it.pdf
  23. Zillich AJ, Garg J, Basu S, Bakris GL, Carter BL. Diuretici tiazidici, potassio e sviluppo del diabete: una revisione quantitativa. Ipertensione. 2006; 48(2): 219-24.
  24. Bangalore S, Parkar S, Grossman E, Messerli FH. Una meta-analisi di 94.492 pazienti con ipertensione trattati con beta bloccanti per determinare il rischio di diabete mellito di nuova insorgenza. Sono J Cardiol. 2007; 100(8): 1254-62.
  25. Yusuf S, Teo KK, Pogue J, Dyal L, Copland I, Schumacher H, et al. Telmisartan, ramipril o entrambi in pazienti ad alto rischio di eventi vascolari. N Ingl J Med. 2008: 358: 1547-59.
  26. Gupta AK, Dahlof B, Dobson J, Sever PS, Wedel H, Poulter NR. Determinanti del diabete di nuova insorgenza tra i pazienti ipertesi 19,257 randomizzati nello studio Anglo-Scandinavo Cardiac Outcomes – Braccio di abbassamento della pressione sanguigna e l’influenza relativa del farmaco antipertensivo. Cura del diabete. 2008: 31(5): 982-8.
  27. Governo australiano: Dipartimento della Salute e dell’invecchiamento. Programma di benefici farmaceutici. Dipartimento di Salute e Invecchiamento: PBS online, disponibile: http://www.pbs.gov.au/html/healthpro/home
  28. Il gruppo di ricerca collaborativo ALLHAT. Principali risultati in pazienti ipertesi ad alto rischio randomizzati a inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina o calcio-antagonista vs diuretico: Il trattamento antipertensivo e ipolipemizzante per prevenire attacco di cuore Trial (ALLHAT). JAMA 2002; 288: 2981.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.